Sul terrazzo
rimango a guardare
il mare stanco
infranto
dal volo del gabbiano.

Il torpore non annunciato
si avvicina.
L’àncora scende
sugli occhi già chiusi.